Sei interessato ad una finestra davvero efficacie per dare visivilità alla tua azienda? Questo spazio potrebbe essere tuo "oltre 10.000 visite giornaliere" Richiedi informazioni

LA DISOCCUPAZIONE AGRICOLA 2019 | ANIAC – Associazione Nazionale Imprenditori Artigiani Commercianti

LA DISOCCUPAZIONE AGRICOLA 2019
                            

                                    


                                22.03.2019  |  12:09 PMAltre Notizie





                                        La disoccupazione è una prestazione a sostegno del reddito che l’Inps eroga direttamente agli operai agricoli e può essere presentata entro e non oltre il 31 Marzo 2019.

 A CHI SPETTA:

L’indennità di disoccupazione spetta:

  • ai piccoli coloni ;
  • ai compartecipanti familiari;
  • agli operai agricoli a tempo indeterminato (braccianti agricoli );
  • ai piccoli coltivatori diretti che hanno versato volontariamente fino a 51 le giornate di iscrizione negli elenchi nominativi agricoli;
  • ai lavoratori agricoli che si dimettono per giusta causa;
  • ai lavoratori soci di cooperative agricole che non esercitano altre attività agricole presso altra cooperativa;
  • operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano solo per un certo periodo dell’anno.

Non hanno diritto alla disoccupazione agricola:

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

  • i lavoratori extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno;
  • i lavoratori iscritti alla gestione autonoma INPS o presso la gestione separata;
  • i lavoratori che non presentano la domanda entro il 31 marzo 2019;
  • i lavoratori agricoli che si dimettono volontariamente ad eccezione delle madri lavoratrici che si dimettono per il periodo di gravidanza o dimissioni per giusta causa;
  • ai lavoratori pensionati dal primo gennaio dell’anno di competenza della disoccupazione agricola.

COME FUNZIONA LA DISOCCUPAZIONE AGRICOLA.

L’operaio agricolo per presentare la domanda deve avere determinati requisiti quali:

  • essere iscritto negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli ;
  • avere almeno 102 giornate lavorate nel biennio precedente (anno 2017-2018);
  • avere almeno 2 anni di anzianità assicurativa precedente la domanda, anche in altri settori purché l’attività agricola sia prevalente.

DISOCCUPAZIONE: domande entro il 31 Marzo 2019

Le domande per la disoccupazione agricola 2019, vanno inviate all’INPS dal 10 gennaio 2019 ed entro e non oltre il 31 marzo 2019. La domanda è inviata per via telematica attraverso:

  • l’identità digitale SPID;
  • gli uffici di patronato zonali;
  • il PIN dispositivo online o CSN;
  • tramite il call center dell’INPS al numero verde 800 164 da telefono fisso (costo gratuito) e numero verde Inps 06 164 164 (a pagamento) da telefono cellulare.

Inoltre con la domanda di disoccupazione agricola 2019, si possono richiedere gli assegni, legati al reddito familiare:

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

  • 2016, per il periodo dal 1°gennaio 2018 al 30 giugno 2018;
  • 2017, per il periodo dal 1°luglio 2018 al 31 dicembre 2018.

Il pagamento della disoccupazione avverrà tra il mese di Giugno e Luglio 2019 ,se l’istruttoria della domanda è andata a buon fine.

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE

Alla domanda devono allegarsi:

  • documento d’identità in corso di validità del richiedente;
  • permesso di soggiorno non scaduto, se il lavoratore agricolo è straniero;
  • copia del passaporto, se lavoratore extracomunitario, richiesta rinnovo permesso di soggiorno nel caso in cui sia scaduto;
  • eventualmente buste paga del 2018;
  • nuovo modello Sr25 debitamente compilato;
  • autocertificazione dello stato di famiglia in caso di richiesta degli assegni familiari;
  • eventualmente le dimissioni per giusta causa.

COME SI CALCOLA LA DISOCCUPAZIONE AGRICOLA 2019

L’INPS paga le giornate lavorate sino ad un massimo di 365giorni, e l’indennità è calcolata moltiplicando le giornate indennizzabili per la retribuzione media del lavoratore, sottraendo però quelle:

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

  • di lavoro in proprio dell’anno 2018;
  • quelle non indennizzabile del 2018 per espatrio definitivo;
  • quelle indennizzate ad altro titolo, quale malattia, maternità ed infortunio, pagate nel 2018.

Le giornate indennizzabili dall’Inps sono moltiplicate per il 40% del salario effettivo del lavoratore, e nel caso di più rapporti di lavoro con retribuzione differenti, il salario medio è calcolato attraverso la media ponderata tra i diversi salari. Si detrae, dal l’importo spettante, il 9% a titolo di contributo di solidarietà e questa trattenuta non può superare le 150 giornate. Agli operai a tempo indeterminato, l’indennità viene erogata per un importo pari al 30% della retribuzione effettiva e non si applica il contributo di solidarietà.

Naturalmente dal calcolo vanno detratte le trattenute IRPEF di lavoro dipendente ed assimilato in base ai giorni di detrazione e alla comunicazione di detrazione fiscale per figli a carico e coniuge, e l’eventuale trattenuta sindacale applicata dal sindacato che ha inviato la domanda.

Inoltre, sono utili ai fini pensionistici, tutte le giornate indennizzate dall’Inps, che rientrano nei contributi figurativi.

Source

L’articolo LA DISOCCUPAZIONE AGRICOLA 2019 | ANIAC – Associazione Nazionale Imprenditori Artigiani Commercianti proviene da #adessonews adessoagevolazioni Italia notizie.

Powered by WPeMatico

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: